<th id="yp7L8rx"></th>
<var id="yp7L8rx"></var>
<menuitem id="yp7L8rx"><ins id="yp7L8rx"><i id="yp7L8rx"></i></ins></menuitem>
<th id="yp7L8rx"></th><menuitem id="yp7L8rx"><ins id="yp7L8rx"><i id="yp7L8rx"></i></ins></menuitem>
<address id="yp7L8rx"><var id="yp7L8rx"><i id="yp7L8rx"></i></var></address><menuitem id="yp7L8rx"><ins id="yp7L8rx"><i id="yp7L8rx"></i></ins></menuitem>
<menuitem id="yp7L8rx"><var id="yp7L8rx"></var></menuitem>
<address id="yp7L8rx"><thead id="yp7L8rx"><ins id="yp7L8rx"></ins></thead></address>
<address id="yp7L8rx"></address>
<listing id="yp7L8rx"><cite id="yp7L8rx"></cite></listing>
Nuovo sito per Casa della poesia. Cosa ne pensate? Inviateci un feedback
04/04/2011

ใคร เล่น บา คา ร่า ได้ เงิน บ้าง

 

Martin Matz - So dove gli arcobaleni vanno a morire (sulla morte di Bob Kaufman) / I know where rainbows go to die (On The Death Of Bob Kaufman)

Il 28 ottobre 2001 a New York, all'età di 67 anni, è morto il poeta beat Martin Matz. Aveva partecipato a reading con Kerouac, Ginsberg, Corso, Ferlinghetti e gli altri beat "storici", compresa la famosa lettura del 1984 all'Albert Hall di Londra, ma "beat" fino in fondo Martin Matz non ha mai trovato il tempo e la voglia di "darsi da fare" dietro a un editore per pubblicare le sue poesie, e così in Italia si è saputo di lui solo nel 1999, in occasione dei festival di poesia organizzati da City Lights di Firenze a Cagliari e da Casa della poesia a "Napolipoesia", con un suo reading nella Casa della poesia a Baronissi, a Parole di Mare ad Amalfi.
Le sue liriche eleganti e surreali, il suo fisico imponente, la sua personalità dolcissima e gentile lo hanno imposto immediatamente all'attenzione e all'affetto del pubblico italiano. La poesia, dedicata ad un altro grande poeta beat, Bob Kaufman, è stata tradotta da Raffaella Marzano e il video è stato realizzato nel corso di Napolipoesia nel 1999 al Parco Archeologico di Posillipo. Con Martin Matz, alla chitarra Massimo Mollo. Vogliamo ricordarlo così a tutti gli amici di Casa della poesia.

 


Traduzione di Raffaella Marzano.
 

© Casa della poesia